NEW YORK 2011, IL RUGGITO DEL “LEONE” DI CARAVAGGIO
11/11/2011
DNA
24/11/2011

San Diego articolo

 

 

 

Il quartiere di Gaslamp risale alla metà dell’ottocento, è considerato patrimonio nazionale e rientra di diritto nel novero dei luoghi storici di San Diego. Si trova nella “downtown”, estendendosi longitudinalmente da Broadway a Harbour Drive e latitudinalmente dalla 4^ alla 6^ avenue su un territorio di 16 isolati. La sua storia è legata alla San Diego degli anni ottanta del XIX secolo, che, grazie ad un forte incremento demografico dovuto alla corsa all’oro in California, raggiunse in poco tempo il considerevole numero, almeno per allora, di 40.000 abitanti.
Il quartiere assunse una popolarità enorme tra minatori e marinai, prendendo il nome di “Stingaree District” dal nome di un pesce velenoso dimorante nella baia. Qualche anno dopo le miniere si esaurirono ed il boom ebbe fine. Il prezzo del terreno crollò e l’attuale zona di Gaslamp diventò preda di speculatori dalla dubbia reputazione che vi installarono bordelli e la popolarono di prostitute. 71 era il numero dei saloons che aprirono in questo periodo: dalle cronache cittadine di fine secolo si legge che avevano nomi piuttosto bizzarri e curiosi quali ad esempio “The Turf” ovvero “il Tappeto Verde”, ovvio riferimento al gioco d’azzardo e “First and Last Chance” e cioè “la prima ed ultima occasione” in questo caso le interpretazioni possono essere di certo più d’una!
Wyatt Earp, il pistolero noto a tutti per la celebre “sfida all’Ok Corral”, cacciatore di bufali, sceriffo, giocatore d’azzardo, proprio qui in quegli anni investì assieme alla moglie Josie in immobili e saloons.
Ai primi del novecento le “luci rosse” del Gaslamp “si spensero” e San Diego perse la fiducia dei suoi ultimi frequentatori abituali, i marinai, che elessero San Francisco quale miglior porto della costa occidentale degli Stati Uniti.
La storia del quartiere degenera tra gli anni cinquanta e settanta, diventando squallido luogo di perdizione popolato da teatri hard e “boutique” poco raccomandabili.
Alla fine degli anni settanta la municipalità di San Diego finalmente approvò per il quartiere un piano di sviluppo di design urbano al fine di preservarne gli edifici storici e per rivitalizzarlo a livello turistico ed economico. Oggi a Gaslamp i numerosi edifici risalenti all’epoca Vittoriana sono ristrutturati e riportati agli antichi splendori ed ospitano ristoranti, negozi e nightclubs alla moda. Il quartiere è così divenuto il punto focale del rinnovamento della città di San Diego.

MASSIMO MANZONI

Comments are closed.